Istituto di Psicoterapia del bambino e dell’adolescente

Fondato nel 1975

Seminari

Isteria, parliamone ancora Riflessioni intorno alla terapia di un'adolescente

Dott. Francesco Mancuso Neuropsichiatra Infantile, Psicoanalista, Membro Ordinario della SPI, Presidente dell’Istituto di Psicoterapia del Bambino e dell’Adolescente

Dott.ssa Federica Magarini Psicologa Psicoterapeuta Socio Psiba

25 marzo 2017

Orario 09:00/13:00

E’ con lo studio dell’isteria che ha origine lo sviluppo della psicoanalisi, è con essa che Freud getta le basi delle sue scoperte fondamentali che riguardano l’inconscio, la rimozione, il conflitto psichico e conseguentemente la cura attraverso le parole. Lo studio dell’isteria è fondamentale perché rappresenta un modello di funzionamento della psiche (di una psiche già formata) che reagisce alle tensioni interne o esterne con il misterioso salto nel corpo (conversione) oppure con la fuga  (spostamento o evitamento).

Dobbiamo, quindi, all’isteria l’attenzione che meritano le nostre radici ma anche la sua capacità, nel corso degli anni, di sparire e poi ricomparire nella teoria come nella clinica:  “L’isteria è cambiata  da un’epoca ad un’altra - scrive Nammun - , ed è probabile che continui a cambiare, perché essa prende la forma che interessa essenzialmente coloro – preti, medici e psicoterapeuti – la cui attenzione essa ricerca”. L’isteria prende la forma della società, come l’isterica prende la forma dell’oggetto a cui si rivolge. Può anche farsi assente, se non c’è nella mente del terapeuta come modello di funzionamento mentale e come espressione della sofferenza.

Noi nel corso del seminario ci occuperemo di presentare non tanto la storia dell’isteria, ma le sue proteiformi caratteristiche, dunque, la sua attualità e, in particolare, la sua presenza nel campo dell’infanzia ma soprattutto dell’adolescenza. Cercheremo di dare alcune risposte a domande come: 

Che significato ha parlare oggi di isteria: è attuale ? Perché si parla di isteria quasi sempre al femminile ? Perché se si parla di isteria si pensa alla dimensione della sessualità ? Perché l’adolescenza ha un posto centrale ?

Le riflessioni teorico-cliniche presentate saranno seguite dall'analisi del caso di Klara, paziente conosciuta all'età di sedici anni a seguito di un periodo di ricovero presso il reparto di psichiatria di zona, da cui è stata dimessa con diagnosi di “Disturbo da conversione corporea”.

Il lungo percorso di terapia ha visto l'alternarsi di fasi di iperadattamento, apparentemente asintomatiche, a momenti di grande sofferenza fisica ed emotiva; l'assetto rigido e scisso della paziente annesso al focus della sintomatologia corporea hanno permesso l'attivazione di considerazioni circa la riattualizzazione della patologia isterica.