Istituto di Psicoterapia del bambino e dell’adolescente

Fondato nel 1975

Seminari

Il pensiero disincarnato delle anoressiche

Dott.ssa Paola Morra Psicologa Psicoterapeuta, Socio e Docente Psiba, Membro del Comitato Scientifico dell'Istituto, Docente al Modulo Tavistock del Master Universitario in Trattamento Integrato dei Disturbi del Comportamento Alimentare e dell’Immagine Corporea (Università di Bologna-ASMEPA).

27 gennaio 2018

Orario 09:00/13:00

Le anoressiche mostrano delle peculiarità nei processi di pensiero. Le funzioni cognitive sono disarmoniche e non integrate: assistiamo a cadute spesso drammatiche nell’esame di realtà che riguardano selettivamente il corpo e i rischi della privazione alimentare, senza influenzare in modo significativo altre aree. D’altro canto, l’attività mentale è iperinvestita a scapito del corpo, i cui segnali di fame e sofferenza vengono silenziati da uno studio ossessivo in modo a volte consapevole.

Hilde Bruch, nei primi anni ‘60, definì l’anoressia nei termini di un rapporto mente-corpo disfunzionale. Negli ultimi decenni, psicoanalisti di diverse scuole hanno interpretato la scissione mente-corpo in queste pazienti come l’esito di uno scacco evolutivo in due tempi, in cui il passaggio adolescenziale è impedito da un deficit nella simbolizzazione primitiva. Il pensiero delle anoressiche è peraltro oggetto di studi interessanti in molte discipline, in particolare nella neuropsicologia, poiché pone questioni al confine fra la sfera emozionale, quella cognitiva e quella biologica.  In questo seminario viene approfondito il tema della scissione mente-corpo nell’anoressia attraverso lo studio di due casi di adolescenti in psicoterapia psicoanalitica che mostrano in modo chiaro le peculiarità di cui si è detto, la disarmonia cognitiva e l’iperinvestimento dell’attività intellettuale. Particolare attenzione è rivolta all’articolazione tra le funzioni intrapsichiche materna e paterna nelle due pazienti e alla distorsione del Super-Io, che per entrambe ha avuto un ruolo centrale nella psicogenesi del disturbo anoressico.